Comitato degli italiani all'estero
Circoscrizione consolare di Colonia

Pfälzer Str. 17, 50677 Köln |  0221 9320380
Lunedì 17 - 20 Martedì 16 - 19

"Per tutelare e promuovere la comunità italiana"

Sono presenti: BENATI Rosella, COCCO Walter, CONTU Luisa, DEL FAVERO Simonetta, LAUDANI Giuseppe, MESSUTI Giuseppe, MILANESE Maria Chiara, PACIFICO Gino, PEDIGLIERI Giorgio, SORRENTINO Francesca, TONETTA Paola, VALLECOCCIA Silvio;

 

Assenti giustificati: BARTOLOTTA Giuseppe, DE BELLIS Teresa, MOTTA Antonino, PATERNÒ Pietro, STORTONI Luciana

 

Assenti in giustificati: CHIANCHIANA Crocetta Maria Pia

 

Per l’amministrazione: GIOVINAZZI Luigi

 

Ordine del giorno:

 

1. Verbale

1.1. Approvazione del verbale del 02.02.2018.

 

2. Informazioni

2.1. Richiesta di approfondimenti riguardo agli obbiettivi e alle priorità del Console Generale da conseguire durante il Suo mandato

2.2. Relazione dalle Commissioni / CGIE

2.3. Invito alla presentazione di un’indagine sulle possibili attività dirette ai giovani residenti nella circoscrizione consolare di Colonia (29 giugno)

 

3. Delibere

3.1. Approvazione del Bilancio Preventivo 2019 – Cap. 3103 e 3106

3.2. Parere riguardo al Cap. 3153 – Bilancio preventivo 2019 – richiesta Ente gestore “Deutsch Italienische Gesellschaft Remscheid e.V.”

3.3. Parere riguardo ad alcune richieste di finanziamento integrativo sul Cap. 3103 per le seguenti attività

3.3.1. realizzazione della guida ai Primi Passi sulla Terza età

3.3.2. realizzazione della guida ai Primi Passi per Neo Imprenditori

3.3.3. stampa della Costituzione Italiana e tedesca (in italiano e tedesco)

3.3.4. progetto mediatore culturale

3.3.5. Proposta di collaborazione alla festa del libro del 10 novembre 2018 a Colonia

 

4.Interpellanze

4.1. Proposta di collaborazione alla serie di eventi in occasione della “Giornata della Pace” dal 4 al 10 novembre 2018 organizzata dal Consolato

4.2. Proposta di creazione di una sottopagina sul tema scuola sul sito del Com.It.Es

 

5. Varie ed eventuali

 

Il Presidente apre la riunione alle ore 18:10.

 

1. Verbale

1.1. Approvazione del verbale del 02.02.2018.

Dopo un breve dibattito e l’inserimento di una modifica inoltrata per Mail da Tonetta, il verbale viene approvato all’ unanimità.

Giovinazzi sottolinea l’importanza degli opuscoli per la doppia cittadinanza realizzati dal Com.It.Es.

 

Milanese arriva alle ore 18:25

 

2. Informazioni

2.1. Richiesta di approfondimenti riguardo agli obbiettivi e le priorità del Console Generale da conseguire durante il Suo mandato

Giovinazzi, come rappresentate del Consolato, ribadisce gli obbiettivi già sottolineati dal Console Generale Ferraro durante l’assemblea del 2.2.2018. Due saranno gli obbiettivi principali del Suo mandato: integrazione e promuovere un’immagine attuale dell’Italia.

Alcuni membri (Benati, Messuti, Contu, Laudani) sottolineano l’importanza di tali obbiettivi. Allo stesso tempo affermano la necessità di concretizzarli in azioni mirate.

 

2.2. Relazione dalle Commissioni / CGIE

Vengono affrontati diversi temi.

Benati riporta l’incontro della commissione scuola avuto con alcune mamme di Colonia interessate alla promozione della lingua italiana nell’ambito scolastico. Ci sta cercando attraverso un’azione coordinata di diverse istituzioni e persone di creare un gruppo di interesse per perorare l’inserimento curricolare della lingua italiana nelle scuole superiori. Milanese sottolinea la difficoltà a partecipare alla riunione della commissione scuola a causa della contemporaneità col suo orario lavorativo. Benati evidenzia come l’orario sia stato indicato dalle mamme che hanno partecipato a tale riunione.

 

Sorrentino riporta per la commissione associazionismo, sociale, anziani l’idea di realizzare un volantino per spiegare, in base all’esempio della casa di riposo per anziani in Ehrenfeld (Kardinal-Frings-Haus), il funzionamento dell’assistenza agli anziani in Germania. Si riscontra infatti mancanza di interesse e di informazioni in tale ambito presso la comunità italiana. Si vuole incentivare anche la richiesta di una possibile consulenza in materia.

Laudani sottolinea l’importanza di realizzare serate informative per la terza età. Esistono forme di assicurazione per l’assistenza agli anziani che possono risultare vantaggiose per le famiglie.

 

Del Favero riporta gli sviluppi relativi alla realizzazione dell’angolo per bambini e di un sistema video-informativo presso la sala d’attesa del consolato. Ha avuto un incontro col Console e vi sono alcune proposte realizzative con preventivo. Vi sono però ancora alcune difficoltà (posizione dei termosifoni nella sala di attesa, scelta del materiale da proiettare sul video). Del Favero seguirà la questione.

 

Pacifico sottolinea come la reperibilità telefonica in Consolato sia diminuita negli ultimi mesi. In particolare, l’Ufficio Informazioni telefoniche (telefono: +49-221-400 87-23) ha ridotto il suo orario di disponibilità al pubblico. Vieni richiesto di ripristinare il servizio a tempo pieno.

Giovinazzi sottolinea come l’organico effettivo a disposizione in consolato sia di 24/25 unità per ca. 120.000 iscritti. Al Consolato mancano attualmente 4 unità. L’80% delle telefonate sono richieste di appuntamenti. La proposta di introdurre un Call Center per tutti i consolati in Germania non è stata presa al vaglio dall’Ambasciata.

Inoltre, purtroppo la centralina telefonica del Consolato non segnala se il numero chiamato sia occupato o libero. Ad esempio, nel caso in cui il numero sia impegnato in una conversazione telefonica risulta, per il numero chiamante, sempre libero. Questo comporta malintesi con l’utenza. Sembra che non sia possibile modificare tale funzione della centralina.

Benati riporta come tale problema sia conosciuto da almeno 12 anni. Si chieda di verificare la funzionalità del centralino e almeno di introdurre un segnale di seconda chiamata in arrivo. Laudani suggerisce di introdurre delle segreterie telefoniche e sottolinea come il problema del telefono diffonda malcontento presso la comunità italiana. Messuti sottolinea in particolare la difficoltà a raggiungere telefonicamente l’ufficio di stato civile. Tonetta chiede se si possa introdurre una funzione nel centralino per mettere in coda le telefonate in entrata.

 

Il Presidente chiede informazioni riguardo all’introduzione di un questionario qualità per i servizi in Consolato. La rinnovata richiesta del Com.It.Es. non trova per ora riscontro in Consolato.

 

Laudani chiede informazioni riguardo all’ETD (Documento provvisorio di viaggio), se possa essere usato come documento durante il periodo estivo, per alleggerire il lavoro dell’ufficio carte d’identità e passaporti. Giovinazzi riporta come l’ETD nasca per turisti o persone d’affari che, trovandosi all’estero, abbiamo smarrito o siano state derubate del documento valido per il viaggio. L’ETD ha una validità massima di 3 giorni a partire dalla data di rilascio ed è valido solo per il viaggio di rientro in Italia. Solo in casi eccezionali può essere rilasciato per una diversa destinazione. Pediglieri chiede chiarimenti riguardo alla procedura di urgenza per l’emissione di documenti di identità o di viaggio. Giovinazzi sottolinea come la procedura di urgenza deve essere legata a fatti concreti e comprovati. Laudani chiede se funzioni il promemoria a mezzo mail da parte del Consolato per i cittadini i cui passaporti siano prossimi alla scadenza.

Milanese chiede informazioni riguardo alla carta di identità elettronica per i cittadini italiani residenti all’estero. Giovinazzi sottolinea come il macchinario per stampare le carte di identità elettroniche abbia un costo elevato e che per il momento non sia previsto per le sedi all’estero.

Pediglieri chiede come mai venga richiesto il numero di telefono al momento della richiesta della carta di identità. Viene avvisata telefonicamente la cittadinanza quando il documento è pronto per il ritiro? Laudani sottolinea come diverse persone non vengano avvisate in questo periodo. Giovinizza evidenzia come il numero di telefono sia per risolvere questioni immediate relative all’emissione di un documento e che normalmente le persone vengono avvisate quando la carta d’identità sia pronta per il ritiro.

 

Milanese riporta i risultati dell’incontro organizzato a Bonn il 18 febbraio per sensibilizzare ed informare i cittadini italiani attorno al tema delle elezioni

Pacifico riporta i risultati dell’incontro informativo con la cittadinanza ad Oberhausen (avvenuto il primo giugno).

 

Giovinazzi sottolinea come sia importante informare i cittadini riguardo a due temi: procure e atti notarili in consolato e cambiamento di cognome in caso di matrimonio. Laudani e Pacifico sottolineano come anche tali temi vengano affrontati durante le serate informative e come, a volte, sarebbe opportuna la partecipazione di un dipendente consolare. Giovinazzi manifesta la sua disponibilità al riguardo.

 

2.3. Invito alla presentazione di un’indagine sulle possibili attività dirette ai giovani residenti nella circoscrizione consolare di Colonia (29 giugno)

L’iniziativa promossa dal Consolato viene presentata. Giovinazzi sottolinea che l’iniziativa si rivolge ai giovani e giovani adulti. Il Consolato si darà premura ad invitare i partecipanti all’incontro.

 

3. Delibere

3.1 Approvazione del Bilancio Preventivo del Com.It.Es. 2019 – Cap. 3103 e Cap. 3106

Tonetta chiede un chiarimento relativo alla voce “spese legali per iniziative di tutela collettiva dei cittadini italiani all’estero”. Pediglieri chiede alcuni chiarimenti su alcune voci. Dopo un breve dibattito il bilancio preventivo viene approvato all’unanimità.

 

3.2 Parere riguardo al Cap. 3153 – Bilancio preventivo 2019 – richiesta Ente gestore “Deutsch Italienische Gesellschaft Remscheid e.V.”

Tonetta sottolinea come la cifra richiesta al n. 16, “retribuzione del personale docente addetto ai corsi” di 219.470,00 € non corrisponda col totale di numero di ore dichiarate (5.200) e il costo medio di un’ora di insegnamento di 18 € indicata nella tabella A.2. Inoltre, sottolinea come i costi per il personale abbiamo bisogno di un ulteriore chiarimento.

Milanese chiede se il responsabile / coordinatore generale e il presidente dell’associazione siano la stessa persona.

Benati evidenzia come la cifra indicata di 18 € sia media. Tale indicazione da dei margini di discrezionalità che non ci permettono di capire quale sia il costo effettivo di un’ora di insegnamento. Comunque, in sede di bilancio consultivo le cifre saranno necessariamente esatte ed evidenti.

Dopo un ulteriore dibattito in cui si cerca di dirimere i dubbi, si procede alla votazione. La richiesta viene approvato col seguente risultato:

Contrario: 1

Astenuto: 1

Favorevoli: 10

 

3.3. Parere riguardo ad alcune richieste di finanziamento integrativo sul Cap. 3103 per le seguenti attività

3.3.1. realizzazione della guida ai Primi Passi sulla Terza età

Benati chiede dei chiarimenti riguardo alla realizzazione di questa guida, riguardo alla guida menzionata nel punto 3.3.2. e riguardo ai costi realizzativi. Del Favero evidenzia come si tratta di un’attività promossa all’interno dell’Intercomites da diversi comitati e di come la realizzazione sia accompagnata da diversi esperti nei settori. Il Com.It.Es. di Colonia coprirà solo le spese relative alla stampa delle copie che vorrà riservare.

Milanese richiede se tali opuscoli vengano effettivamente letti dalla cittadinanza. Pacifico, Messuti ed altri membri sottolineano come abbiamo ricevuto numerosi riscontri dai concittadini. Giovinazzi sottolinea anche per il Consolato l’importanza di tali opuscoli e il positivo riscontro della cittadinanza.

Viene approvate l’acquisto di 1.000 copie all’unanimità, in base ai preventivi presentati dall’Intercomites.

 

3.3.2. realizzazione della guida ai Primi Passi per Neo Imprenditori

Viene approvate l’acquisto di 600 copie all’unanimità, in base ai preventivi presentati dall’Intercomites.

 

3.3.3. stampa della Costituzione Italiana e tedesca (in italiano e tedesco)

Laudani sottolinea come una copia della costituzione vada data con valore e riconoscimento nei confronti della persona che la riceve e di come abbia una funzione differente rispetto agli opuscoli informativi. Giovinazzi riporta di come il Consolato consegni una copia della costituzione a coloro che acquisiscono la cittadinanza italiana. Milanese suggerisce di pubblicizzare la disponibilità delle costituzioni stampate presso i colleghi e le colleghi dei corsi di lingua e cultura.

Viene approvate l’acquisto di 300 copie all’unanimità, in base ai preventivi presentati dall’Intercomites.

 

3.3.4. progetto mediatore culturale

Viene presentata da parte del Consolato la richiesta di creare uno sportello di mediazione culturale, principalmente per le questioni legate allo Jugendamt, da realizzare attraverso un finanziamento richiesto dal Com.It.Es. sul capitolo di spesa 3103.

Si apre un dibattito attorno a diversi temi: assunzione di una persona (Messuti), la necessità di una collaborazione con le associazioni presenti sul territorio (Benati) la necessità di ampliare la funzione di tale mediazioni culturale estendendola ai nuovi arrivi (Benati, Pacifico), l’impossibilità da parte del Com.It.Es. di assumere con un Mini Job una persona per tale funzione (Laudani), la possibile collaborazione con BiKup (Del Favero), la sede di tale sportello di mediazione culturale (Pediglieri), la necessità di un concorso per l’assunzione, nel caso la persona fosse assunta dal Consolato (Milanese e Giovinazzi).

Il Presidente sintetizza il dibattito: Il Com.It.Es. ha verificato in assemblea l'impossibilità di poter assumere ulteriore personale sul cap. 31030 in base allo scopo indicato nella richiesta. Secondo la legge Com.It.Es. e la legge di bilancio del Com.It.Es. possiamo assumere solamente personale che svolge un lavoro di segreteria presso la sede del Com.It.Es. Altre mansioni non sono purtroppo contemplate. Il Com.It.Es. saluta con interesse l'intenzione del Console Generale di creare un ufficio, ovverossia di mettere a disposizione una persona come mediatore culturale per accompagnare i concittadini italiani presso le autorità tedesche. L'ambito di lavoro di questa persone dovrebbe però estendersi a più ambiti, ovverossia non limitarsi ai casi relativi allo Jugendamt, bensì avere una funzione di sportello "primi passi" come aiuto e sostegno ai cittadini italiani di prima migrazione in Germania, oppure nei casi dove la competenza linguistica e culturale non sia sufficiente per interagire con le autorità tedesche. In tale ambito il Com.It.Es. sostiene la via intrapresa dal Consolato di Francoforte (Progetto “Wegbegleiter”), di chiedere un finanziamento sul capitolo di spesa 1633 a disposizione del Consolato. La via intrapresa dal Com.It.Es. di Friburgo (finanziamento attraverso il cap. 3103 in collaborazione con associazioni italiane presenti sul territorio) risulta attualmente non praticabile.

 

3.3.5. Proposta di collaborazione alla festa del libro del 10 novembre 2018 a Colonia

Tonetta e Milanese riportano gli sviluppi di una festa del libro per i bambini in collaborazione con l’Istituto di Cultura e altre istituzioni, prevista per il 10 novembre dalle ore 15 alle ore 17 a Colonia. Si intende invitare i bambini che parlano la lingua italiana, presentare loro l’istituto di cultura, creare un angolo di scambio ed incontro anche con diverse case editrici.

Benati sottolinea come tale iniziativa vada in linea con le “mehrsrpachige Lesungen”, che da tempo trovano spazio a Colonia, e invita a prendere in considerazione per la manifestazione anche i cosiddetti libri “senza parole” (Silent book).

Il Com.It.Es. delibera all’unanimità un sostegno di massimo 500 € per la manifestazione, da investire in affitto dei locali o per sostenere i costi di referenti invitati all’incontro (spese contemplate nella legge di bilancio dei Com.It.Es.)

 

Sorrentino lascia la riunione alle 20:40.

 

4. Interpellanze

4.1. Proposta di collaborazione alla serie di eventi in occasione della “Giornata della Pace” dal 4 al 10 novembre 2018 organizzata dal Consolato

Viene presentato il programma previsto in occasione dei 100 anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale da parte del Consolato:

  • 5 novembre 2018: Tavola rotonda sui temi dello sviluppo e della distribuzione della ricchezza presso l’Istituto Italiano di Cultura di Colonia. Relatore: Pierluigi Di Piazza. Ha dato la disponibilità a partecipare all’evento l’ex Presidente dell’Uruguay, José Alberto Mujica (da confermare dopo l’estate);

  • 6 novembre 2018: Spettacolo teatrale “La testa nel secchio” con la partecipazione dell’autore dell’omonimo libro Gian Franco Reverberi presso l’Istituto Italiano di Cultura di Colonia;

  • 10 novembre 2018: Concerto di canzoni di Fabrizio De André in collaborazione con la VHS di Colonia nella sala/teatro della VHS nel “Rautenstrauch-Joebst Museum” di Colonia;

  • Gennaio / Febbraio 2019: Mostra di quadri di Dario Fo (Premio Nobel per la letteratura nel 1997) nel “Theatermuseum” di Duesseldorf, spettacolo teatrale dell’opera più importante di Fo (Mistero Buffo) presso l’Istituto Italiano di Cultura di Colonia, seminario sul teatro di Fo nelle Università di Bonn, Duesseldorf e Colonia.

Il Com.It.Es. delibera all’unanimità un contributo di massimo 1.000€ per la realizzazione degli eventi presentati nel programma.

 

4.2. Proposta di creazione di una sottopagina sul tema scuola sul sito del Com.It.Es

Il Presidente e Benati sottolineano la necessità di informare in maniera dettagliata le famiglie italiane di recente migrazione e non nell’Ambito dell’inserimento scolastico delle figlie e dei figli.

Viene deliberato un contributo di 100€ da devolvere alla realizzazione di una sottopagina sul sito del Com.It.Es. a tale scopo.

 

5. Varie ed eventuali

La prossima riunione del Com.It.Es. viene fissata per venerdì 21 settembre alle ore 18:00.

Il Presidente chiude la riunione alle ore 21:00.

 

Intervento dei cittadini presenti al termine della riunione.

Don Gianpiero Arabia, sacerdote cattolico residente ad Aquisgrana si presenta. Spera di inserirsi in loco nel sostegno delle attività della missione cattolica italiana e più in generale per la cittadinanza italiana residente sul territorio. Sottolinea l’importanza di realizzare un filo diretto con la gente che vive sul posto.

 

La segretaria

Antonietta De Francesco

­
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok